user_mobilelogo
itzh-TWnlenfres

   UNA FINESTRA APERTA SUL MONDO

"Istituto per la Cooperazione con Paesi Esteri" fondato nel 1986. Attività sociali, culturali, scientifiche, commerciali e industriali con tutti i Paesi che hanno il riconoscimento del Governo Italiano.

 

IMG_3636.JPG

IMG_3644.JPGIMG_3640.JPG

 

Un caro saluto all'Ambasciatore Giorgio Malfatti dopo 18 anni.

Roma, 16/10/2017 - Giornata particolare. Dopo diciotto anni si rivedono l'Ambasciatore Giorgio Malfatti e il Presidente dell’Istituto prof. Giuseppe Pace, accompagnato dal Vice Presidente On. Fabio Porta, Segretario Generale Dr. Gianni Lattanzio e l’avv. Marco de Feo responsabile alle pubbliche relazioni.

L'Ambasciatore ed il Presidente Pace ebbero il piacere di conoscersi nel 1999, presso il Ministero degli Affari Esteri promuovendo la creazione del Centro Culturale Italiano presso la Guangzhou University di Canton. La proposta fu accolta ed autorizzata dal Ministro Martelli.

Durante l’incontro, tenutosi presso l'Istituto Italo-Latino Americano (IILA) l'Ambasciatore Giorgio Malfatti, attuale Segretario Generale dell’IILA, ha manifestato massima disponibilità affinché possano crearsi occasioni di sviluppo culturale ed economico promosse dall’ICPE.

 

 

IMG_3652.JPGIMG_3658.JPG

 

16 Ottobre 2017 incontro con l'Ambasciatore dell'Indonesia in Italia S.E. Esti Andavani

Massima disponibilità a collaborare con l'Icpe, l'Istituto di cooperazione con i Paesi esteri. E' quanto ha dichiarato l'ambasciatrice dell'Indonesia in Italia Esti Andayani in un incontro con una delegazione dell'Istituto di Bari composta dal presidente Giuseppe Pace, dal vice presidente on. Fabio Porta, dal segretario generale Gianni Lattanzio e dai componenti Marco De Feo, Vittorio Mecozzi, Edvin Guri e Tito Manlio Altomare.

"La possibilità di realizzare progetti comuni in vari campi (dalla cultura all'economia, dal turismo alla formazione universitaria) è un obiettivo di primaria importanza per incrementare e rafforzare i rapporti fra i due Paesi -ha sottolineato l'ambasciatrice- che non possiamo e non dobbiamo trascurare. Accolgo, quindi, la proposta dell'Icpe ad avviare una ricognizione su quali temi poter operare. Sono da pochi mesi arrivata in Italia e sto iniziando a conoscere il vostro Paese. Ho già visitato alcune realtà del Nord e mi propongo di venire a conoscerne altre nel Sud. E, in questo senso, non posso non accettare l'invito del presidente Pace a visitare la Puglia".

Con questo incontro, svoltosi all'Ambasciata di Indonesia a Roma, a cui hanno partecipato insieme all'Ambasciatrice Esti Andayani i consiglieri Aries Asriadi per gli aspetti economici e Charles Ferdinand Hutapea per quelli culturali e sociali, sono ripresi i rapporti fra l'Icpe e l'Indonesia che, oltre vent’anni  fa, avevano portato alla realizzazione di alcuni progetti cooperazione, investimenti, camera di commercio Italia Indonesia, soprattutto a livello universitario e gemellaggio.

Un ulteriore momento per dare ufficialità a questo nuovo percorso avviato dall'Istituto di Bari sarà la presenza di rappresentanti dell'Icpe al Forum "The way forward Asean's response to changing international strategic landscape", in programma il 23 ottobre a Roma, a cui parteciperà come relatore Hassan Wirajuda, ministro degli esteri dell'Indonesia dal 2001 al 2009.

Massima disponibilità a collaborare con l'Icpe, l'Istituto di cooperazione con i Paesi esteri. E' quanto ha dichiarato l'ambasciatrice dell'Indonesia in Italia Esti Andayani in un incontro con una delegazione dell'Istituto di Bari composta dal presidente Giuseppe Pace, dal vice presidente on. Fabio Porta, dal segretario generale Gianni Lattanzio e dai componenti Marco De Feo, Vittorio Mecozzi, Edvin Guri e Tito Manlio Altomare.

"La possibilità di realizzare progetti comuni in vari campi (dalla cultura all'economia, dal turismo alla formazione universitaria) è un obiettivo di primaria importanza per incrementare e rafforzare i rapporti fra i due Paesi -ha sottolineato l'ambasciatrice- che non possiamo e non dobbiamo trascurare. Accolgo, quindi, la proposta dell'Icpe ad avviare una ricognizione su quali temi poter operare. Sono da pochi mesi arrivata in Italia e sto iniziando a conoscere il vostro Paese. Ho già visitato alcune realtà del Nord e mi propongo di venire a conoscerne altre nel Sud. E, in questo senso, non posso non accettare l'invito del presidente Pace a visitare la Puglia".

Con questo incontro, svoltosi all'Ambasciata di Indonesia a Roma, a cui hanno partecipato insieme all'Ambasciatrice Esti Andayani i consiglieri Aries Asriadi per gli aspetti economici e Charles Ferdinand Hutapea per quelli culturali e sociali, sono ripresi i rapporti fra l'Icpe e l'Indonesia che, oltre vent’anni  fa, avevano portato alla realizzazione di alcuni progetti cooperazione, investimenti, camera di commercio Italia Indonesia, soprattutto a livello universitario e gemellaggio.

Un ulteriore momento per dare ufficialità a questo nuovo percorso avviato dall'Istituto di Bari sarà la presenza di rappresentanti dell'Icpe al Forum "The way forward Asean's response to changing international strategic landscape", in programma il 23 ottobre a Roma, a cui parteciperà come relatore Hassan Wirajuda, ministro degli esteri dell'Indonesia dal 2001 al 2009.

 

Delegazione iraniana incontro il Presidente Emiliano

IMG-20170718-WA0009[1].jpg

 

 

Dopo la visita, nello scorso anno, dell’ambasciatore in Italia, Jahanbakhsh Mozaffari, le intese si concretizzano in fatti: prende l’avvio il progetto di collaborazione economica-culturale fra la Regione Puglia e la Regione di Hormozgan in Iran, grazie all’opera di promozione dell’Istituto Cooperazione Paesi esteri di Bari, presieduto da Giuseppe Pace.

L’obiettivo finale è un gemellaggio.

Il 17 eil 18 luglio prossimi, una qualificata e folta delegazione del territorio iraniano (si trova nel sud-ovest del Paese, 11 province, quasi 1milione 400 mila abitanti, con capoluogoBandar Abbas) sarà a Bari e provincia per una serie di incontri sia politici (con il presidente Michele Emiliano e componenti della giunta e del Consiglio) sia commerciali (con l’ing. Mario Mega, Segretario dell’Autorità del Sistema portuale del mare Adriatico e con il dott. Massimo Salomone, organismo di partenariato) sia industriali (con i responsabili della Sitael di Mola, azienda leader nel settore aerospaziale) sia culturali-formativi (con i rettori del Politecnico, prof. Eugenio Di Sciascio, e dell’Università, prof. Antonio Felice Uricchio).

La delegazione della Regione di Hormozgan sarà guidata dal suo Presidente, JasemJaderi, e composta da Mohammad Ashuri della Presidenza dell’Assemblea consultiva islamica, RezaModarres, consigliere del Presidente, SalehDaryanavard, presidente per la gestione e pianificazione della Regione, Khalil Ghassemi, presidente dell’organizzazione industria, miniere e commercio regionali, Akbar Sheikhi Fini, Rettore dell’Università di Hormozgan, Alì Fatà, presidente del Parco delle Scienze e Innovazione, Alì Ebrahimi, presidente degli Affari economici e finanziari regionali, MohsenZiaei, direttore dei Beni culturali, artigianato e turismo della Regione, Allah MoradAfifipour, direttore dei Porti e della Navigazione e Mohammad AminSabaghizadeh, presidente della Camera di Commercio di Bandar Abbas.

Accompagnerà la delegazione il consigliere economico dell’Ambasciata dell’Iran a Roma, Alì Fekri.

La Regione di Hormozgan, che si affaccia sullo stretto di Hormuz, controllando tutto il traffico marittimo del Golfo Persico, ha –fra l’altro-  un grande centro siderurgico ma anche una nascente vocazione turistica. L’università, nata nel 1991, ha sei discipline di laurea (quasi tutte scientifiche) ed una di letteratura persiana. Gli studenti sono 6 mila.

 

Via della Seta: Domani conferenza stampa alla Camera di Mediterranean Affairs in

collaborazione con l'Istituto Cooperazione Paesi Esteri (ICPE)

 

IMG_2236.JPG

 

Si svolgerà mercoledì 1 Febbraio alle ore 17:30 presso la Sala Stampa della Camera Dei Deputati (Via Della Missione 4, Roma) la presentazione del dossier “The ‘Silk Road’ re-enters the Mediterranean. Risk and opportunities of China’s new grand initiative”, edito dal centro di ricerca Mediterranean Affairs. L’evento è in collaborazione con l’Istituto per la Cooperazione con i Paesi Esteri (ICPE).

Il tema del dossier riguarda le opportunità e rischi della Cina nella regione mediterranea che, negli ultimi decenni, si è trasformata in un laboratorio dove si delineano le varie sfumature dell’età della globalizzazione.

Interverranno Marcello Ciola (Vice Direttore di Mediterranean Affairs), Federico Brembati (co-curatore e autore del dossier), Giovanni Cubeddu (Cinitalia), Federico Brusadelli (docente presso l’Università degli Studi “Gabriele D'Annunzio”), Giuseppe Marucci (Ispettore MIUR - Progetti Italia-Cina), Khalid Chaouki (Deputato - Commissione Esteri), e Gianni Lattanzio (Segretario Generale dell’ICPE).

Il Giorno 21 Giugno a Roma delegazione dell'Ufficio Affari Esteri della Città di